HomePage MANGIARE e BERE DOVE DORMIRE Gallerie Fotografiche Figline e dintorni
logo www.figline.it
Marted? 11 dicembre | 03:17 am Ricerca nel sito nel web
 
Figline.it : RUBRICHE » Cronaca » IL CONCETTO DI GIUSTIZIA
Menu principale

News dal web

I Vostri Ultimi Commenti

Guestbook

Lasciateci i vostri commenti, impressioni, consigli....o anche solo un saluto!

Vai al Guestbook


Webmail

Visitatori dal 01/12/2006
Numero visite: 28108446
IL CONCETTO DI GIUSTIZIA
Data pubblicazione 28/04/2011 21:00:23

 

Quello di “Giustizia” è un concetto astratto, superiore, spesso irraggiungibile, al quale l’Uomo aspira per tutta la vita. La giustizia cui ci riferiamo nel linguaggio di tutti i giorni è semplicemente l’applicazione corretta della Legge; anche questo, se compiutamente perseguito, sarebbe un obiettivo desiderabile. Ma la giustizia che sentiamo invocare nelle piazze, ora dall’uno ora dall’altro contendente dell’agone politico, spesso è solamente un pallido simulacro dell’Ideale originale. Mi riempie di sconforto sentire invocare gli strali della “giustizia” contro questo o quell’antagonista, colpevole semplicemente di appartenere ad un diverso schieramento, così come mi riempie di sconforto udire, dai banchi della massima assise parlamentare, termini quali “stupratore della democrazia” indirizzati verso l’avversario. Appare pertanto incompleta e parziale la lettura data da alcuni organi di stampa al mio precedente comunicato, il quale era stato riduttivamente interpretato come un attacco alla “Lista per Figline”. I concetti espressi valgono per tutti i contendenti, i quali debbono avere il massimo rispetto della Legge, se non della Giustizia, ed astenersi dal piegarla ai loro desiderî o plasmarla sulle proprie necessità. Questo pensiero, se calato nella realtà figlinese, porta alla conclusione che una campagna elettorale nella quale il Leitmotiv fosse l’incombenza delle manette e del carcere nascerebbe viziata e malata; la Legge deve fare il suo corso e la Politica seguire il proprio: dobbiamo avere quel rispetto dei ruoli che da più parti sembra mancare e che conduce ad un crepuscolo incerto nel quale i Poteri dello Stato si sovrappongono e si confondono, in un conflitto che nulla lascia presagire di buono.
È dunque estremamente improprio, incorretto, fuorviante presentarsi all’elettorato non come politici attenti alle esigenze della Cittadinanza e alle necessità del territorio, con le soluzioni e le idee per risolvere gli annosi problemi della nostra città, ma piuttosto come fautori di un giustizialismo indiscriminato che salta a piè pari ogni passaggio istituzionale. I problemi della Città si risolvono con il confronto e il dibattito; se poi emergono fatti che potrebbero avere risultanza civile o penale, se ne informa la Legge, come, alla bisogna, hanno fatto in questi anni i consiglieri comunali di opposizione in un attento e continuo lavoro che ora si vorrebbe invano disconoscere, ma anche con discrezione, senza appuntarsi sul petto medaglie di cartone per fregiarsi del lavoro costante e onesto dei magistrati inquirenti.

Ing. Alessandro Papini
Consigliere Comunale uscente a Figline Valdarno Presidente del Gruppo Consiliare UDC
Capogruppo del Nuovo Polo Per Figline alle Elezioni Comunali 2011
 


 Condividi su facebook

lista dei commenti inseriti dagli utenti (13 commenti in totale)
Inserisci un nuovo commento | Trova l'ultimo commento inserito
ATTENZIONE!!! FUNZIONE SPERIMENTALE
Se vengono attivati nuovi commenti su questa pagina avvisami alla seguente mail (usare il pulsante '-' per rimuovere una mail precedentemente aggiunta)
oggetto: questa lè proprio bellina da: eolo
   01/05/2011 ore 13:24
  questa lè proprio bellina, allora ogniuno dei candidati gli è responsabile di tutti, sarebbe come dire che se nella lista della sinistra per figline cè un divorziato allora la lista per la famiglia lè tutta una montatura, o come dire che se nella lista del PD ci sono due inquisiti allora nella lista Di Pietro sono tutti bugiardi perchè sostengono gli inquisiti. ma come si fà a accumulare tutta una serie di castronerie come quelle di zorro?
oggetto: RE: questa lè proprio bellina da: cluniacense
   01/05/2011 ore 17:57
  Ho letto con attenzione tutta la discussione; francamente mi sembra campata sul nulla. Non vedo infatti come né l'ing. Papini né la lista che egli rappresenta possano essere associate ad organizzazioni di estrema destra o neofasciste: troppo laboriosa è infatti la concatenazione che condurrebbe a tale destinazione (dal capolista alla lista del nuovo polo, dalla lista al candidato sindaco, dal candidato alla coalizione che comprende il partito di Gonfiantini, dal partito al candidato Gonfiantini, da Gonfiantini a casapound... andiamo! con sei gradi di separazione si arriva ad ogni individuo sulla terra!). Forse la coerenza dell'ing. Papini e della sua proposta politica spaventano la controparte ben più che la leadership di Clara Mugnai.
In una cosa devo dar torto a Papini: se la struttura del portale Figline.it è tale che non vi è un moderatore che sposta gli argomenti, ma bensì tutti possono scrivere dappertutto, non si possono cambiare le regole del gioco: si deve rispondere dove e come le domande sono poste (o in tutta libertà si può non rispondere).
Ma in tutto il discorso l'intervento più gustoso mi pare quello di Eolo. Nonostante che io in passato abbia avuto a questionare con lui, piano piano ho imparato ad apprezzare il suo spirito arguto dietro i suoi strafalcioni (ma sarà proprio così, o esagera un pochino?) Nella moltitudine dei candidati di Figline (quasi duecento) non si può pretendere da tutti la conoscenza reciproca, figuriamoci la responsabilità per altri! Ecco allora perfettamente lecito per i dipietristi stare in coalizione con il PD (non so se sul fatto di essere inquisiti abbia ragione Eolo, forse si riferiva alle Lambruschini) o per la lista della famiglia stare con la sinistra (a proposito, Eolo, non occorre andare a cercare i divorziati-risposati nella lista di SEL, ce n'è più d'uno proprio nella lista della famiglia!...) Eolo si esprime per paradossi, ma con i suoi paradossi ci dimostra quanto sia sbagliato andare a ricercare la credibilità delle persone in improbabili remote relazioni, invece che nella coerenza del comportamento di tutti i giorni
p.s. Fra tante persone desiderose di informarci su Casapound, nessuno ha detto la cosa più interessante, e che aiuta a capire chi siano: essi si riferiscono infatti al celebre poeta Ezra Pound, che purtroppo ebbe a dimostrarsi sostenitore del fascismo, perfino durante la RSI, ma che per la sua importanza fu addirittura candidato al Premio Nobel.

oggetto: RE: questa lè proprio bellina da: Valerio
   01/05/2011 ore 15:23
  E' ovvio che tutti i candidati non possono essere responsabili per tutti gli altri,ma è il candidato a sindaco della coalizione che dovrebbe accertarsi da chi sono spalleggiati i candidati delle sue liste.Ancora aspetto una presa di posizione dalla signora Clara Mugnai,che spero bene non voglia avere a che fare con movimenti pseudo-fascisti
oggetto: il disagio e l'intempestività da: Alessandro Papini
   01/05/2011 ore 00:14
  Gentile sig. "Zorro",
la ringrazio per l'attributo di "illustrissimo", titolo che peraltro mi pare elargito con eccessiva generosità; non credo che mi spetti più di quanto a Lei spetta il nick della celebre "volpe".
Per quanto riguarda il suo intervento, credo che sia andato clamorosamente fuori tema; il thread parla esplicitamente del concetto di Giustizia, in relazione al misunderstanding... chiamiamolo così... che se ne fa in campagna elettorale. Vedo che lei aveva già toccato il tema di casapound in altro thread nel quale sarebbe stato più pertinente; fra l'altro il replicare post identici in differenti threads si chiama spamming ed è gravemente contrario alla netiquette. il Sig. Valerio, che pur con miglior stile condivide la sua intempestività (ed effettua un copiaincolla anch'esso indice di scarsa conoscenza della netiquette), potrebbe a buon diritto emulare il suo più celebre compagno di partito, dicendo... "Che ci azzecca??"
Credo che peraltro la Sua cortesia meriti una risposta nel merito, anche se l'intervento, come notava l'amico Renzi, è assolutamente non pertitente. Sì, caro signore, io provo spesso disagio: lo provo quando vedo il mondo della politica, che dovrebbe essere il più nobile esempio di servizio alla cittadinanza (così recitava il Vescovo di Fiesole, nell'incontro dell'altro ieri con gli amministratori... c'era Lei, signor Volpe? Se no, glielo posso riassumere privatamente)... provo disagio, dicevo, quando vedo la politica divenire cassa di risonanza di risentimenti personali, di riferimenti surrettizi, di odî a stento repressi che talvolta infangano il dibattito a partire dalle massime camere dello stato per diluirsi via via nelle amministrazioni inferiori. Provo disagio quando si tenta - ed è tentativo che sovente si radica nella sinistra, con l'eccezione di alcuni Uomini illustri - di attribuire all'avversario delle affermazioni non dette, delle intenzioni non asserite, dei comportamenti mai avuti. E, già che ci siamo, provo disagio quando si tenta di piegare la Legge, quando non la Verità, agli scopi ed agli intenti personali, ed è storia di tutti i giorni. Tanto le dovevo, visto che Lei è interessato al mio personale sentire, e tanto Le ho detto. Se desidera maggiori chiarimenti può, senza timore, contattarmi personalmente: eviterà così di inquinare dei threads dove si parla d'altro.
Per inciso, visto che è stato toccato il punto, non conosco assolutamente casapound; se dovessi documentarmi su di questo (o questa?) non sceglierei wikipedia, che, pur essendo uno strumento libero e potente, proprio per la sua struttura non dà assolutamente garanzie di affidabilità. Se veramente è un'organizzazione neofascista, non può che essere lontana anni luce dal mio modo di pensare. E comunque, vista la Sua attenzione, non Le sarà sfuggito come si è formata la coalizione che sostiene Clara Mugnai: la signora Mugnai si è presentata come candidato sindaco sotto l'egida della sua lista civica, e, cosciente dei vincoli che la legge elettorale impone (legge che io non condivido, ma che rispetto, come Legge dello Stato), ha chiesto l'appoggio di tutti coloro che avessero se del caso potuto condividere il suo programma. La lista che ho il piacere e l'onore di rappresentare ha condiviso questa scelta, ed ha abbandonato gran parte delle sue caratterizzazioni partitiche per seguirla. Altri l'hanno fatto, in piena autonomia, anch'essi rinunciando a qualcosa, perché il Tutto fosse maggiore della somma delle parti. Se vi è qualcuno che non si riconosce in questa linea di pensiero, vuol dire che non ha compreso questo fenomeno di aggregazione, che se ne tiene ai margini. In tal caso, siccome siamo in Democrazia e non sta né al mio disagio né alla sua incauta estemporaneità decidere la sorte dei candidati, saranno le urne a dare la risposta.
Alessandro Papini

oggetto: RE: il disagio e l'intempestività da: Zorro
   01/05/2011 ore 09:40
  Illustrissimo Ing. Alessandro Papini, mi scuserà se continuo a usare questo temine, ma mi creda non era e non è né ironico né eccessivo, se ciò Le è giunto mi dispiace.
Capisco che risulti “intempestivo” sollevare una questione come quella della compartecipazione in coalizioni che annoverano al loro interno rappresentati di Casapound, tanto più a 15 giorni dalle elezioni. Credevo che Lei e l’UDC foste a conoscenza della questione e che con questa consapevolezza aveste aderito alla coalizione. Tanto è che l’indicazione di wikipedia era per chi leggeva. In effetti ammetto che disarmi un po’ apprendere che l’UDC partecipa ad una coalizione che annovera all’interno suoi rappresentanti senza “conoscere assolutamente CasaPound”. Capisco che il partecipare ad una coalizione si costruisce – come Lei scrive - “ rinunciando a qualcosa, perché il Tutto fosse maggiore della somma delle parti.” Mi pare l’ABC della politica.
Quello che non capisco è come si possano mettere tra parentesi i principi e i valori dell’antifascismo che hanno fatto, fanno ed io credo faranno dll’UDC di Casini un perno fondante ed un baluardo della democrazia. Sono così convinto –anch’io – che la storia politica e personale di chi rappresenta i valori che l’UDC rappresenta in politica non può che “essere lontana anni luce” da una organizzazione fascista.
Di questo oggi – ahimè – , con tutta evidenza, si tratta. Quello che mi pare sfugga è che, il tema NON è personale, non riguarda il Suo personale sentire. Il rispetto per la “persona” è per me questione essenziale. La questione- che Lei ha capito benissimo – è politica ed è posta al “Capogruppo del Nuovo Polo per Figline” ed è normale se al “Politico” si pongono tematiche politiche.
Porre questioni di coerenza al “Politico” che parla di Giustizia, sapendo bene che questa si coniuga storicamente con Libertà e Democrazia non è ammissibile, non è pertinente? Quindi il Thread era in tema – eccome – ed era pure senza cut&paste (invito ad una verifica più attenta) la questione era la stessa ma entrambi i post diversi ed erano su pagine politiche.
Ora che si spera si sia compresa la problematica, che si conoscano le politiche e le azioni di CasaPound (non con wikipedia ovviamente) come si intende agire politicamente – in coerenza – con i valori politici e democratici rappresentati dall’UDC in Valdarno in Toscana in Italia? Come intendete gestire, politicamente, la comunanza nella coalizione, oggi, ed in Consiglio Comunale, domani, con ciò che rappresenta Casapound e con i suoi rappresentanti?
Se tutto questo Le appare incauto ed estemporaneo…………….

oggetto: RE: RE: il disagio e l'intempestività da: Alessandro Papini
   01/05/2011 ore 13:18
  Vedo che i tentativi di stirare e plasmare le affermazioni altrui trovano terreno fertile in questo thread; la correttezza e l'educazione di chi scrive meritano comunque una ulteriore risposta.
1) l'intempestività sta nel fatto che in altri threads si parla di casapound; se vogliamo parlarne, ed io non mi sottraggo, sarebbe più corretto farlo là. Se questo fosse un forum, vi sarebbe un moderatore che sposterebbe il thread in area specifica, lasciando continuare lì la discussione; per quanto mi riguarda possiamo parlare di casapound come di qualsivoglia argomento, ma rispettiamo le regole comportamentali da tenersi sulle boards.
2) il cut&paste è presente eccome, da wikipedia, non nel suo post, ma in quello di Valerio, che addirittura riporta le note di wiki (in parentesi quadre con i numeri da 2 a 5), perdendo ovviamente i riferimeni a quanto annotato.
3) Lei si contraddice, dapprima chiedendo "come mi sento" e poi dicendo in altro post che la domanda "non riguarda il mio personale sentire". Si decida: su quale terreno vuole la risposta?
4) Se, come adesso Lei dichiara, pone la questione sul piano politico, sono ben felice di accogliere questo suo mutamento; in effetti ritengo l'ambito politico il più corretto sul quale discutere e confrontarsi.
----------------------
Non le sarà sfuggito allora che ogni lista comprende un massimo di sedici candidati; la coalizione che sostiene Clara Mugnai ne ha dunque sessantacinque, compreso il candidato sindaco.
Per quanto mi riguarda, sebbene non sia questo un obbligo formale ma solo morale, mi sono assicurato della fedeltà al progetto costituente del Nuovo Polo di tutti quelli che fanno parte della mia lista, e sono quindici persone, con i quali ci siamo riuniti, abbiamo parlato, abbiamo condiviso un progetto, che si radica su quegli stessi valori nei quali l'UDC (e anche il FLI, che ha una storia giovane ma democratica e liberale) si riconosce, e che vorrei definire in positivo, non in negativo: antifascismo infatti è un termine significativo, ma io preferisco parlare in sua vece di Libertà e Democrazia, per condividere infine la stessa Sua visione. Se ci definissimo soltanto in negativo potremmo giungere al paradosso che, se non esistesse - o fosse esistito - il fascismo, non esisterebbero nemmeno quei valori positivi nei quali ci riconosciamo.
Per quanto riguarda i candidati degli altri partiti e delle altre coalizioni, nulla so se non per conoscenze personali che esulano dal progetto politico. Per molti dei candidati - avversi o sodali - ho una sincera stima personale. Se fra tutti gli altri vi siano membri di organizzazioni eterodosse questo non lo so e non lo posso sapere; non ne ho la responsabilità personale e in nessun caso potrei averne la responsabilità politica.
Le sarà tutto più chiaro con un esempio. Come forse saprà, a Milano c'è stato un caso forse più grave di quello che Lei ha individuato a Figline: un attacco diretto e indiscriminato alla Magistratura, da parte di un candidato al Comune.
La coalizione cui afferisce quel candidato è composta da una galassia di partiti (ad esempio l'Alleanza di Centro, i Popolari di Italia Domani, Milano al Centro, il Nuovo Psi eccetera). Orbene, quando quel candidato si è dichiarato responsabile dell'affissione del manifesto incriminato, nessuno ha avuto la mancanza di stile di attribuire responsabilità a Fabio Tavani (che peraltro è in attesa dell'esito del ricorso al TAR), a Riccardo Hugony, ad Angelo Manetti o alla signora Ornella Vanoni, rappresentanti delle altre liste di coalizione. Evidentemente a Milano la maggioranza e l'opposizione hanno maggior coscienza democratica e conoscenza della prassi che non la Sua.
QUALI PRINCIPÎ ALLORA STIAMO METTENDO FRA PARENTESI? la nostra coerenza nei valori indiscussi su cui si fonda la nostra democrazia, che comunque restiste ad ogni infondato attacco, o il desiderio nascosto della sinistra di attribuire agli avversari ideologie remote sulla base di relazioni insussistenti?

oggetto: Da Wikipedia da: Valerio
   30/04/2011 ore 19:39
  CasaPound è un centro sociale di ispirazione fascista[2][3][4][5] nato a Roma il 26 dicembre 2003 in via Napoleone III 8, al quartiere Esquilino.

Dal 19-22 giugno 2008 CasaPound Italia è un'associazione di promozione sociale registrata, presente ed operante in tutte le regioni d'Italia.

Meditate,elettori

Valerio Benini - candidato lista IDV-SEL

oggetto: RE: Da Wikipedia da: Zorro
   01/05/2011 ore 00:13
  Vediamo un po’ meglio chi sono questi di CasaPound:
Il consigliere 21 enne Renato Montagnolo della circoscrizione di Prato del Pdl (attivista di Casapound – Prato), ha brindato all’anniversario della nascita di Adolf Hitler sul suo profilo Facebook, come riportato dalla “Nazione” e dal “Tirreno di Prato”. Si legge nel social network, “20 aprile 1889-20 aprile 2011: in alto i calici per l’ultimo Imperatore d’Europa”, la frase che ha suscitato lo stupore degli amici di Facebook e la condanna da parte del Pdl di Prato.
A Napoli, invece, un candidato della lista "Liberi con Lettieri" (centrodestra), ha festeggiato il compleanno di Hitler pubblicandone una foto. (si tratta di Enrico Tarantino, protagonista insieme a Casa Pound di un’occupazione di un centro sociale, l’anno scorso). Proprio questa sera è stata data notizia sui Tg nazionali a partire dal TG3 degli scontri ed accoltellamenti che vedono coinvolti gli attivisti di casapound e pare anche Enrico Tarantino.
Dalla pagina di facebook del candidato di Casapound nelle liste del Pdl a Figline si vede che tra le preferenze c’e’ quella per “ eja eja alalà” dove troverete dei post del tipo:
Italia fascista………… DNA fascista………..Camerata Benito Mussolini PRESENTE!!!!! ……….. 25 aprile noi non festeggiamo!
Ancora:
Tutti i libri di Tolkien, di Celine, di Brasillach, di Larochelle. I libri di storia reviosionista, i racconti sulla R.S.I. L'UCRONIA. sulle palle gli intellettuali conformisti e di sinisttra (l’errore è loro)
Inutile insistere oltre, del resto son loro stessi che si definiscono “ i fascisti del terzo millennio”.
La domanda è a tutte le forze politiche democratiche di Figline:
Possibile che non ci sia una reazione adeguata a subdoli tentativi di penetrazione dentro le istituzioni democratiche di questi rappresentanti del volto moderno del nazifascismo?
Ci si può accontentare del cut & paste da un sito web? Non si vede l’emergenza democratica e la necessità di una reazione politica adeguata? Pian d’Albero non può, non deve e non sarà mai successo invano! GLI ANTIFA’ (come spregevolmente li chiamano loro ) ci sono ancora.

oggetto: CasaPound da: Zorro
   29/04/2011 ore 19:15
  Illustrissimo Ing. Alessandro Papini ci spiega come può essere parte di un raggruppamento che annovera tra i propri candidati anche un "Rappresentante di CasaPound"? Che Lei sicuramente conosce e che per tutti gli altri indico questa pagina di wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/CasaPound
dove si possono aver le prime informazioni su questi che si autodefiniscono i "fascisti del terzo millennio". Ing. Papini Lei non prova alcun disagio?

oggetto: RE: CasaPound da: Roberto Renzi
   30/04/2011 ore 08:04
  Il consigliere Papini non le deve nessuna risposta, in quanto casapound non fa parte della coalizione, ripeto non fa parte della coalizione, tale associazione ha deciso di sostenere un candidato, tutto qui.

la coalizione è formata da Il popolo della libertà, Lega Nord, Salvare il Serristori e nuovo polo.

Se lei guarderà tutte le liste noterà che in tutte ci sono persone che magari hanno avuto una storia diversa, ma che poi si riconoscono in una lista e tutto ciò è legittimo.

oggetto: RE: RE: CasaPound da: Zorro
   30/04/2011 ore 09:55
  "Lo afferma Ivo Gonfiantini, candidato di CasaPound alle comunali del 15 e16 Maggio."
Nella pubblicazione su questo stazio del 28/04/2011 12:13:54. Come chiunque può verificare. Ancora "L’azione di stanotte precede la presentazione di una Mozione al consiglio comunale del 28 Aprile prossimo, tramite la quale CasaPound Valdarno richiederà espressamente che il Comune di Figline Valdarno metta a disposizione aree demaniali per la sperimentazione del Mutuo Sociale," Sempre nella stessa pubbicazione su questo sito. Non dico che qualcuno mente, dico semplicemente qullo che si legge qui. Su quello che si legge,non hanno nulla da dire l'Ing. Papini e l'UDC del Valdarno?

oggetto: RE: RE: RE: CasaPound da: Roberto Renzi
   01/05/2011 ore 10:12
  Ivo Gonfiantini è iscritto nel PDL dalla nascita del partito, non è un componente di casapound in lista, è un consigliere del Pdl uscente in lista, ma si avvale dell'aiuto di suoi ex compagni per la campagna elettorale, credo che ciò sia legittimo, e poi un'pò di gioventù non fa male alla campagna elettorale.
oggetto: RE: RE: CasaPound da: Urenz
   30/04/2011 ore 09:49
  Eh no, troppo comodo! Casa Pound si è vista con il banco in piazza e accanto alla loro bandiera c'era quella della PDL! Voi state con Casa Pound e avete un candidato appoggiato da loro!
Inserisci un nuovo commento | Trova l'ultimo commento inserito
 
Torna a inizio pagina

       
Seguici su:

Calendario eventi

News da figline.it
Castello di Sammezzano: presentato esposto per degrado
...presentato alla procura di Firenze dal movimento "Save Sammezzano"
Partira' ufficialmente il 14 dicembre la Stagione Concertistica del Garibaldi
Apertura con il direttore Dausgaard e il violinista Kraggerud...
Aspettando Natale a Rignano: numerose iniziative tra capoluogo e frazioni
L'Amministrazione Comunale presenta le feste del territorio in occasione del Natale 2018.
I turni delle farmacie per l'8 e il 9 dicembre 2018
Le aperture delle farmacie per il week-end a Figline e Incisa Valdarno...
In piazza Ficino tornano i presepi del Calcit Valdarno Fiorentino
Dall'8 dicembre al 6 gennaio oltre 100 presepi da tutto il mondo per sostenere la onlus che si occupa dei malati oncologici
lista completa

Stradario
Cerca indirizzo


Meteo
HomePage MANGIARE e BERE DOVE DORMIRE Gallerie Fotografiche Figline e dintorni

HiHo srl 
Sede legale: Via G.Donizetti, 52 - 50018 Scandicci (FI) - Sede operativa: Via Vetreria, 73 50063 Figline Valdarno ( Fi )  
tel. +39 055 5357453 - fax +39 055 5609013 - info@figline.it - P.Iva 05443270482

Powered by Hiho S.r.l © 2018
Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI