HomePage DOVE DORMIRE MANGIARE e BERE Figline e dintorni Gallerie Fotografiche
logo www.figline.it
Luned? 19 febbraio | 10:47 pm Ricerca nel sito nel web
 
"...Come gli altri mi trattano è il loro percorso. Come reagisco, è il mio" (W. Dyer)
Figline.it : News » CASAPOUND: "IL CONSIGLIO COMUNALE CONDANNA LE COPPIE DI FATTO"
Menu principale

News dal web

I Vostri Ultimi Commenti

Guestbook

Lasciateci i vostri commenti, impressioni, consigli....o anche solo un saluto!

Vai al Guestbook


Webmail

Visitatori dal 01/12/2006
Numero visite: 25118744
CASAPOUND: "IL CONSIGLIO COMUNALE CONDANNA LE COPPIE DI FATTO"
Data pubblicazione 27/04/2012 12:10:08

 

Nel consiglio comunale tenutosi ieri a Figline Valdarno le forze politiche hanno condannato una mozione di riconoscimento delle coppie di fatto, proposta da CasaPound Italia per mano del consigliere Ivo Gonfiantini.
A fronte dell'acceso dibattito scatenatosi intorno alla questione, tutte le forze politiche avevano annunciato un loro interessamento nel consiglio comunale del 26 Aprile. In particolare i rappresentanti di Sinistra per Figline e del Partito Socialista avevano inserito nell'Ordine del Giorno loro mozioni riguardanti il riconoscimento delle coppie di fatto e l'istituzione di un apposito registro comunale. Tuttavia all'atto di presentazione della prima mozione, illustrata dal Consigliere Gonfiantini per conto di CasaPound Valdarno, queste hanno giudicato "inutile" affrontare l'argomento, ritirando pertanto le loro proposte.
"Si tratta" commenta Gonfiantini "di una crociata ideologica che sacrifica alla ragion di partito i diritti delle famiglie italiane, tirati in ballo per alimentare la polemica e poi ignorate quando questa si è avvicinata ad un felice epilogo.
"E' quantomai avvilente dover riconoscere ancora una volta la strumentalizzazione di intere categorie popolari, che anche a Figline rappresentano una consistente parte della popolazione" prosegue Gonfiantini, "soprattutto se si pensa che proprio da consistenti frange della sinistra istituzionale giunge sovente un monito alla regolamentazione delle coppie di fatto. Tutto ciò risulta ancora più vergognoso, se a questa incoerenza si accompagnano accuse riguardanti una presunta quanto falsa propaganda omofobica e populista che sarebbe lanciata da CasaPound Italia. La nostra associazione invero è stata l'unica forza politica ad appoggiare nel Consiglio Comunale del 26 Aprile il riconoscimento delle Coppie di Fatto."
"Invitiamo i cittadini figlinesi" conclude la nota dcel rappresentante di CPI Valdarno"a riflettere sullo spessore etico dei suoi rappresentanti. Scene francamente poco edificanti come quelle cui abbiamo assistito in Consiglio Comunale ci ricordano quando sia necessario un profondo rinnovamento dei valori della politica".
Da stigmatizzare infine il comportamento tenuto dal Presidente del Consiglio Morandini e del Consigliere Mugnai, i quali hanno inteso di impedire a Gonfiantini di qualificarsi nell'assise come esponente di CasaPound. Lo stesso Gonfiantini aggiunge: "Nessuna legge della Repubblica, nessun regolamento comunale vietano ad un Consigliere di manifestare la propria adesione ad un'associazione, e di portare all'attezione dei suoi colleghi le proposte da lui ritenute utili alla collettività. Pertanto è mia intenzione continuare a sostenere le battaglie di CasaPound Italia in tutti gli spazi che mi sono messi a disposizione dall'istituzione che rappresento."

 

(Ufficio Stampa di CasaPound Firenze)


 Condividi su facebook

lista dei commenti inseriti dagli utenti (25 commenti in totale)
Inserisci un nuovo commento | Trova l'ultimo commento inserito
ATTENZIONE!!! FUNZIONE SPERIMENTALE
Se vengono attivati nuovi commenti su questa pagina avvisami alla seguente mail (usare il pulsante '-' per rimuovere una mail precedentemente aggiunta)
oggetto: risposta da: ivogonfiantini
   28/04/2012 ore 12:38
  Caro LORENZO, mi piacerebbe sapere chi sei visto che esprimi dei guidizi su di me, mi dispiace deluderti di articoli ne ho scritti molti in questi anni.Ovviamente se devo fare dei comunicati stampa, come fatto da molti politici figlinesi, su banalità, succede spessisimo, mi astengo.Io come ho premesso all'illustrazione della mia mozione sono nel gruppo del PDL perchè ho considerato questo Partito con le sue diverse anime uno spazio di LIBERTA' dove possono convivere sensibilità diverse, sensibilità e visioni del mondo diverse. Ritengo che su certi argomenti non possa pensarla come Laici e Renzi la mia Storia è diversa dalla loro: loro democristiani di origine io missino rautiano...Laici e Renzi sono stati coerenti da cattolici praticanti non hanno condiviso il mio punto di vista, laico e non cattolico. Chi mi ha sinceramente fatto ridere è stata la suffragette femminista socialista ultra laica che ha ritirato la mozione sulla" istituzione del registro delle coppie di fatto". Stranissimo una, la dr. Bagiardi, che ad ogni situazione vorrebbe distinguersi dai suoi compagni di consiglio per la sua: sagacia politica ed il suo pensiero anticonformista, si fa convincere dal "chierichetto" Stefanini - la mente della maggioranza del parlamentino figlinese - a ritirare questa mozione.Nonostante ciò leggo nei commenti delle battute e citazioni - alla Laici - e nessuno che si ponga il problema di perchè la sinistra tanto attenta - a parole - ai diritti questa volta si è dissolta? No cari amici non andrò nel SEL con Sbarriti e Vendola, resto dove sono sempre stato nella cosidetta DESTRA che se foste meno ignoranti , nel senso di non conoscenza, capireste che le nostre radici: comunitarie, nazionali, identitarie, sociali e perchè no libertarie hanno fatto si che la c.d. sinistra oramai su tutti i temi sociali, economici e popolari l'abbiamo superata da tempo.Ho detto popolari e non populistici perchè popolari sono le nostre battaglie per il mutuo sociale,per la difesa della maternità - TEMPO DI ESSERE MADRI - la riforma di Equitalia, l'abbattimento dei privilegi -i vampiri prete e sindacalista li abbiamo messi sulla Collegiata noi non il PDL.Poi UNA INDICAZIONE AL SIGNORE CHE HA SCRITTO IL PRIMO MESSAGGIO SI SCRIVE CASAPOUND NON CASA PAUND....MA LO SA ERUDITO AMICO CHI ERA EZRA POUND....

P.S.Scrivo in ritardo perchè non essendo nè politico, nè possidente, nè statale, nè mantenuto nè ricco devo svolgere la mia professione e scrivo quando posso con la speranza che mi pubblichino...


oggetto: RE: risposta da: Melchiorre
   29/04/2012 ore 08:29
  Mi spiace se ho scritto casapaund non pensavo fosse inglese, credevo fosse una parola o una sigla italiana non sono erudito spero non si sia arrabbiato per così poco, ma comunque non lo sono neanche daltonico lei non ha risposto perchè sta nel gruppo dei moderati, quando moderato non è....il mondo è bianco o nero non può essere a colori
non si può dire cose democristiane (bianco)
cose di casapound (nero)
e far sparate sulle unioni di fatto (arcobaleno)

E per erudirla nei forum usa lo pseudonimo, da sempre

Comunque le auguro buon lavoro non è mai disdicevole seguire le proprie idee, ma mi sopporti non la penso come lei

oggetto: RE: RE: risposta da: ivogonfiantini
   29/04/2012 ore 13:52
  Io forum o non forum ci metto in tutte le attività: umani, professionali e sociali la mia FACCIA, pagando in proprio come è successo .....le rispondo direttamente il PDL è uno spazio di libertà o per lo meno lo era, all'interno di questo coesistono diverse anime - lo era anche nel MSI dove c'erano i rautiani che ci contrapponevano alla corrente borghese - ritengo che si possa e si debba avere visioni diverse all'interno dello stesso gruppo specialmente sui temi etici.saluti.Ivo Gonfiantini
oggetto: il pdl che dice? da: Melchiorre
   27/04/2012 ore 16:30
  Ma il PDL di Figline non dice nulla? Anche lo spessore etico del Laici e del Renzi è messo in discussione caro casapaund?

Gonfiantini che sta a fare in un gruppo consiliare che non ha spessore etico secondo lui?

Gonfiantini ha intenzione di iscriversi a Sel, perchè la pensa come i comunisti, e loro da 40 anni non hanno cambiato idea, mi sembrava che venisse dalla Destra.

Sicuramente non risponderà.........

oggetto: RE: il pdl che dice? da: ivogonfiantini
   28/04/2012 ore 14:00
  Caro Melchiorre, vorrei che si qualificasse con nome e cognome non come tanti ANTIFA' colpire, in questo caso per web coscosto da uno pseudonimo o dal solo nome di battesimo. Io provengo da una famiglia cattolica e democristiana io non son nè l'uno nè l'altro provengo dal MSI coorente rautiana, sono stato in AN ora nel gruppo consiliare del PDL.....DIFFICILE CDHE IO INSEGUA IL PDL NELLA SUA "DEMOCRASTINIZZAZIONE" per quanto riguarda il suo consiglio di iscrivermi al SEL è veramente una battuta da avanspettacolo.....lei proviene da li?
oggetto: RE: il pdl che dice? da: Francesco
   28/04/2012 ore 14:01
  @Melchiorre: eppure sembra proprio che quando le proposte vengono da CasaPound i "compagni" di Sel siano ben disposti a "cambiare idea". Oppure mi vuol dire che la sinistra figlinese è sinceramente contraria alle coppie di fatto?
oggetto: RE: il pdl che dice? da: ilaria
   28/04/2012 ore 09:51
  Non sono sposata, ma ho due figli, vivo con il mio "compagno" e da oltre 16 anni, io sono fermamente convinta che non si può in alcun modo giudicare il rapporto intimo che c'è fra due persone ne dissentire come questo rapporto voglia essere vissuto, non siamo tutti uguali e ogni uno ha il diritto di gestire liberamente una realtà importante come la convivenza, come meglio crede. E'segno della più profonda arretratezza vedere che ancora oggi come nel medio evo, si voglia in tutti i modi stare a discutere su una questione delicata come questa che ormai è uno stile di vita che molte persone scelgono. Parliamo allora di quanti divorzi ogni anno ci sono in Italia e di quanti soldi sono necessari per portare il divorziato a tornare single. Le coppie di fatto non sono altro che lo specchio di una civiltà che vuole crescere e che vuole uscire dai bigotti pregiudizi di un mondo che non esiste più, non è più dannosa e malata una civiltà che rigurgita ogni giorno la volgarità e la violenza che ci circonda? Se un cittadino paga le tasse ed è onesto per quale motivo due cittadini che vivono sotto lo stesso tetto, formando una famiglia non possono avere gli stessi diritti delle coppie sposate? la questione non è politica..destra o sinistra, è solo umana, non si può orientare ogni cosa dal punto tecnico e politico, non siamo solo numeri non dimenticatevelo.
oggetto: RE: RE: il pdl che dice? da: Gorgona
   29/04/2012 ore 08:31
  x Ilaria io convivo da tanto tempo, non ho nessuna intenzione di fare una famiglia non voglio avere legami di alcun genere è per questo che non mi sono sposato.
Secondo lei dovrei subire ora tutte le scelte e gli oneri di una famiglia? Su via chi vuol aver quelle certezze ha la possibilità di farlo senza imporre che quelle tutele che io convintamente non voglio, vengano imposte da chi da anni ha deciso di vivere sotto lo stesso tetto con una persona.
Se lei le vuole non deve far altro che mettere due firme su un foglio, senza farle cascare addosso a chi non le ha mai volute.

oggetto: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Francesco
   30/04/2012 ore 18:17
  La questione non è nei legami, ma nei diritti (e nei conseguenti doveri) che una coppia DEVE acquisire. Il fatto che a te risulti più o meno comodo tirare su una famiglia ha certamente un notevole interesse esistenziale, ma non risolve il problema generale: lo Stato non può far finta che la tua coppia non esista: E' nella definizione stessa di Stato di Diritto che sta il concetto. Tu esisti in quanto cittadino, per lo Stato. La coppia di cui fai parte deve essistere in quanto coppia di fatto, per lo Stato. Ovviamente a questo si accompagnano i precisi diritti e doveri che lo uno Stato di Diritto riconosce a tutti.

Diritti, e Doveri.

oggetto: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: ilaria
   29/04/2012 ore 22:00
  E' proprio così due firme che non voglio mettere..Gorgone, ma allora se è tutto così semplice perchè vi riscaldate tanto!! e poi Gorgone.. ma hai letto ciò che ho scritto? era il mio punto di vista che non andava certo contro al tuo,te la sei presa troppo, conosco molte coppie non sposate e mi è capitato di parlare con loro della questione che è più sfaccettata di quanto non si pensi e comunque ogniuno di noi l'unica cosa che non vuole è essere libero di non "sposarsi", non c'è un perchè preciso che vale per tutti i motivi sono molteplici, mio padre ad esempio è stato uno dei primi divorziati a Firenze, la mia famiglia è una famiglia di divorziati mi ci vedi con l'anello nuziale? io no!! ciao Gorgone.
oggetto: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Gorgone
   30/04/2012 ore 13:53
  Non mi riscaldo siete voi che mi volete dare diritti che non voglio, diritti che hanno gli sposi, io voglio essere libero se quacuno vuole fare una domanda la fa a me punto, non ad altri.

Tu vuoi che ti vengano riconosciute cose tipiche del matrimonio, sei te che senza fare nulla vuoi tutto....io non voglio fare nulla ed in cambio non voglio nulla....

Ma se cominciano a dire.... se una persona convive ha gli stessi diritti, ,,,, ripeto non mi sono sposato per non avere queste beghe......rispetto chi vuole queste beghe e se le vuole.... si sposi e non le imponga a ch i non le chiede.

oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: ilaria
   01/05/2012 ore 18:02
  Gorgone io per diritto intendevo "quello di essere semplicemente rispettata e accettata nella mia scelta" non ci siamo capiti o forze non mi sono spiegata, se no perché avrei fatto tutte le considerazioni precedenti, in ogni caso non è con me te la dovresti prendere dal momento che forze in questo dibattito noi due siamo gli unici a persarla così e a vivere da"coppia di fatto", prenditela con chi giudica senza sapere! e che può davvero importi certe cose, io sono una semplice cittadina! ciao Gorgone...viva la libertà anche se è solo un illusione in questo paese!!
oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Francesco
   30/04/2012 ore 20:09
   La questione non è nei legami, ma nei diritti (e nei conseguenti doveri) che una coppia DEVE acquisire. Il fatto che a te risulti più o meno comodo tirare su una famiglia ha certamente un notevole interesse esistenziale, ma non risolve il problema generale: lo Stato non può far finta che la tua coppia non esista: E' nella definizione stessa di Stato di Diritto che sta il concetto. Tu esisti in quanto cittadino, per lo Stato. La coppia di cui fai parte deve essistere in quanto coppia di fatto, per lo Stato. Ovviamente a questo si accompagnano i precisi diritti e doveri che lo uno Stato di Diritto riconosce a tutti.

Diritti, e Doveri.

oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: ilaria
   05/05/2012 ore 09:48
  Ma che sta a dì...mettiamola così, per farti capire quanto è assurdo ciò che dici, io ho una casa, il mio compagno o ragazzo vive con me ma potrebbe essere anche un amico, lo stato come fa a sostenere la tesi che quello è il mio ragazzo? vedi che tutto questo è una vera stronzata, se io ho due figli riconosciuti dal padre ma non sono sposata basta che il padre in questione metta la residenza in un altra casa...vive con me ma non risulta e cosi io per lo stato non sono una coppia di fatto ma solo una madre con figli. Dai retta Francesco, nessuno ti verrà mai ad apostrofare per il fatto che tu sei sposato, ma io i miei diritti li conosco e anche bene, ciò di cui stai parlando te fa solo parte di un retaggio cattolico che francamente non condivido, vai a leggerti la costituzione, io non rubo nulla a lo stato italiano, e non pretendo certo di essere tutelata, imbrigliata ed incatenata da un sistema che stà lentamente implodendo.
oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Francesco
   14/05/2012 ore 10:32
  e a proposito del tuo esempio...se Tizio dichiara un domicilio e poi vive in un altro posto, compie un reato. Un po' come quando fai il 730 e racconti cazzate. Magari non succede, ma se succede che ti beccano ti fanno un bel culino. E non puoi dirmi che il diritto è un assurdo perchè se uno vuole può violare la legge. Uno comunque spera sempre che chi viola la legge sia punito, no?
oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Francesco
   11/05/2012 ore 19:59
  Ilaria, lascia fare il retaggio culturale cattolico che, se mi conoscessi, sapresti bene non far parte ASSOLUTAMENTE della mia formazione. Sono fortemente critico verso la religione in generale, e verso il cattolicesimo in particolare.

Peraltro, non ho certo detto io che le coppie di fatto siano fiscalmente avvantaggiate rispetto alle famiglie. O almeno, non lo sono da un punto di vista legale. Sto dicendo che esiste una disparità di trattamento, anche fiscale, tra coppie di fatto e famiglie fondate sul matrimonio CIVILE (quello religioso è un aspetto folkroristico che non mi interessa). So benissimo che sul piano LEGALE lo Stato privilegi le famiglie sposate. So altrettanto bene che i componenti di una coppia di fatto figurano come singoli cittadini, svincolati da diritti e doveri di coppia. Questo non va bene.

Nella tradizione del diritto occidentale i cittadini sono tutti uguali davanti alla legge, e tutti devono godere degli stessi diritti e soggiacere agli stessi doveri. Altrimenti la società si disgrega. E gli effetti di questa disgregazione sono sotto gli occhi di tutti, credo.

oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: gorgona
   02/05/2012 ore 15:14
  A mio avviso invece lo stato deve disinteressarsi, se tu vuoi dei diritti sposati senza imporli agli altri
oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Francesco
   04/05/2012 ore 06:54
  E, per inciso, come ripeto si tratta anche di DOVERI. Le coppie di fatto ora come ora sfuggono sia ai diritti che ai doveri cui sono sottoposte le coppie sposate.

Tante coppie di fatto difendono i loro diritti, e io li sostengo con loro. A te dei diritti non interessa, ben per te. Ma riguardo ai tuoi DOVERI, quelli si che mi interessano. Perchè i doveri che NON sono imposti alle coppie di fatto sono doppiamente imposti alle famiglie regolari.

Capisci il giochino? ;)

oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Francesco
   04/05/2012 ore 11:18
  Lo Stato non può disinteressarsi. Essere cittadino significa aderire ad un patto con lo Stato. Con questo patto smetti di fare quello che ti pare in cambio della tutela e del sostegno sociale che lo Stato ti deve in quanto cittadino. In alternativa vai in Somalia, dove la legge di uno Stato non c'è. Anche se non mi sembra che se la cavino in maniera eccelsa.
oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Gorgona
   07/05/2012 ore 15:48
  Non so...cosa ti riferisci, caro Francesco, ma se si tratta solo di mettere una tassa in più o pagare qualcosa è ancora più assurdo.

sta a vedere che per far pagare un balzello ora bisogna rifare tutto il diritto familiare...

Per quanto riguarda la Somalia.... non ho il passaporto, sa com'è qualche belgioioso l'ha persa

oggetto: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Francesco
   11/05/2012 ore 16:58
  Non ti preoccupare, il passaporto non te lo chiede nessuno in Somalia ;)
oggetto: RE: il pdl che dice? da: Gorgona
   28/04/2012 ore 09:51
  Se fossimo su un isola saremo su Gorgona, la sua storia recita che divenne Fiorentina nel 1421, ma l'isola venne abbandonata nel 1425 perchè soggetta a frequenti incursioni barbaresche, con saccheggi continui.

Sembra la storia del PdL di figline, prima appendono alla collegiata un cartello con la scritta "Vampiri", poi il Gonfiantini attacca lo spessore etico dei componenti del consiglio....

Penseranno mica di essere a Gorgona e di fare continui attacchi pirateschi....

oh sveglia siamo a Figline

oggetto: RE: il pdl che dice? da: Lorenzo
   27/04/2012 ore 22:12
  Sul silenzio del Gonfiantini non mi stupisco, quanti pezzi giornalistici avrà fatto in 20 anni che è in consiglio, invece mi stupisco del silenzio del laici e del Renzi.

Saranno mica in ferie....

oggetto: RE: RE: il pdl che dice? da: ivogonfiantini
   28/04/2012 ore 19:26
  Lorenzo guardi gli annuali del Valdarno, di Metropoli, della Nazione del Corriere Fiorentino e vedrà quanto e come ho scritto e fatto scrivere di me.....non posso fare comunicati se presento una mazione sull'utilizzo del suolo pubblico....faccio l'interrogazione....si comunicati stampa si fanno suylle cose serie non sulle buche nella strada....quelle si chiede solo di riempirle.......
oggetto: RE: RE: RE: il pdl che dice? da: Roberto Riviello
   29/04/2012 ore 11:03
  Caro Ivo,
senza voler anticipare l 'intervento dei Consiglieri comunali del Pdl che uscirà a breve a chiarire loro posizione sulla questione da te sollevata, vorrei ora comunicarti il mio pensiero in merito, facendo la premessa che ti riconosco onestà e coraggio intellettuali, e proprio per questo sento il bisogno di dicutere con te in questo spazio pubblico. Che il Pdl sia nato da una fusione anomala di due tradizioni politiche e culturali (quella liberal-cattolica e quella della destra sociale), è una dato di fatto che recentemente ha dato luogo a varie fibrillazioni al suo interno.Ma il punto è che, mentre gli esponenti della vecchia AN, hanno accettato complessivamente di riconoscersi nell'impostazione liberale proveniente dall' idea originaria di Forza Italia (la Rivoluzione liberale mai,purtroppo, realizzatasi), tu rivendichi con orgoglio e determinazione la tua matrice MSI-corrente rautiana (parole tue).E di qui la tua adesione all' organizzazione di estrema destra che si chiama Causa Pound,della quale sei diventato porta-voce nel Consiglio comunale di Figline Valdarno.Questo significa una sola cosa, detto in parole povere: e cioè che sei, ancora oggi, un fascista. E vero questo sì o no? Ora sia chiaro, io non considero e non uso la parola "fascista" come un'offesa: facendo un lavoro che ha a che fare con i libri di storia e non solo quelli della famigerata storiografia resistenziale, so bene che il fascismo ha fatto molte meno vittime del comunismo, che lo stato assistenziale fu creato nel Ventennio, e soprattutto che il fascismo aveva in Italia un largo consenso popolare che lo legittimava. Ciò detto, come vedi senza para-occhi nè pregiudizi ideologici, vorrei spiegarti che il Pdl è un partito che si basa su una visione economica e sociale fortemenete anti-fascista.Tu dici che nel nostro partito c'è uno spazio di libertà, ed è per questo che ancora ci sei dentro:è vero, lo confermo, infatti anch'io che provenivo dalla sinistra anti-comunista sono approdato al Pdl proprio per quel motivo; ma io, come sai, ho abbandonato la visione socialista e statalista e mi sono "convertito" all'idea liberale. A me sembra, invece, che tu resti saldamente attaccato alla tua antica ideologia fascista,tanto è vero che continui a parlare di mutuo sociale, di stato sociale etc. Vorrei chiarire anche come la penso su Casa Pound: quando ho parlato con quei ragazzi venuti a Figline a sostenere la tua campagna elettorale,non mi sono sembrati né razzisti né antisemiti e quindi sarei pronto ad incontrarli e a discutere con loro in qualsiasi occasione, mentre invece mi guarderei bene dall'incontrare i noTav o i giovani dei centri sociali( quelli sì inclini alla violenza e al razzismo ideologico).Il fatto è che i ragazzi di Casa Pound (io l'ho letto e amato Ezra Pound) sono, come te, onestamente fascisti. Ma lo ripeto, come te, non sono nè razzisti né anti-semiti.
La conclusione del mio ragionamento, caro Ivo, è che non ti ci vedo bene all'interno del Pdl. Io rispetto moltissimo le tue idee e le tue battaglie, come quella molto civile sulle coppie di fatto, e so benissimo che anche nell' estrema destra ci sono sensibilità che vanno in questa direzione. Ma la destra estrema e il Popolo della libertà non sono nè lo saranno mai una "coppia di fatto".
Ti invito, e questo lo dico prima di tutto da amico, ad una riflessione più approfondita, nel senso di andare fino in fondo,sulle tue convinzioni e soprattutto sulla tua collocazione politica.Ciò detto, ti auguro una buona domenica.

Inserisci un nuovo commento | Trova l'ultimo commento inserito
 
Torna a inizio pagina

       
Seguici su:

Calendario eventi

News da figline.it
Sopralluogo dei giornalisti all'interno del Castello di Sammezzano
Adesso il mondo sa, chiaramente, quale sia la situazione reale di Sammezzano. Un castello da salvare.
Figline Incisa. Fontanelli 2017: risparmiate 1,2 milioni di bottiglie d'acqua
Ridotto anche l
Incidente sulla variantina di Figline
investito da un'auto ieri sera vicino alla strisce pedonali, muore 80enne
Centro Figline: dal 26 febbraio via ai lavori su rete idrica
Intervento da 300mila euro in 3 step per migliorare approvvigionamento acqua. Ecco come cambia la viabilita'
Dal Giappone un possibile k.o. all'influenza
Si tratta di un farmaco prodotto dall'azienda farmaceutica giapponesi Shinogi, che promette di debellare il virus dell'influenza in un solo giorno e tramite l'assunzione di un'unica dose
lista completa

Stradario
Cerca indirizzo


Meteo
HomePage DOVE DORMIRE MANGIARE e BERE Figline e dintorni Gallerie Fotografiche

HiHo srl 
Sede legale: Via G.Donizetti, 52 - 50018 Scandicci (FI) - Sede operativa: Via Vetreria, 73 50063 Figline Valdarno ( Fi )  
tel. +39 055 5357453 - fax +39 055 5609013 - info@figline.it - P.Iva 05443270482

Powered by Hiho S.r.l © 2018
Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI